Vito Campanelli, Remix It Yourself, 2012
Written by admin   
Tuesday, 17 January 2012

Vito Campanelli, Remix It Yourself, 2012

Analisi socio-estetica delle forme comunicative del Web

Prefazione di Alberto Abruzzese

Image

Remix, mashup, sample, loop, cut and paste, embed, edit, post, link, geoposition, tag, quote, retweet, update, share sono alcuni tra i termini tecnici ormai entrati nel linguaggio comune che contribuiscono a delineare un inedito orizzonte: quello delle pratiche creative rese possibili dai media digitali. Tali pratiche hanno saturato ogni frammento di quotidianità e impegnano in un continuum comunicativo gli abitanti di un pianeta sempre più interconnesso e dipendente dalle tecnologie della comunicazione.

Se il paesaggio moderno assumeva consistenza in virtù del modello secondo il quale si usa il passato per costruire il futuro, in quello contemporaneo si impongono tratti peculiari che giustificano i tentativi volti a far emergere la mappa di una nuova cultura, quella appunto del remix, che privilegia, più di quanto sia avvenuto in precedenti epoche storiche, modalità compositive basate sul riutilizzo – più o meno – creativo e consapevole di oggetti culturali preesistenti.

In una siffatta cornice, i concetti correlati di ‘innovazione’ e ‘ripetizione’ rappresentano le principali coordinate attraverso le quali questo libro prova a far luce sulle più attuali forme comunicative, stringendo in particolare il fuoco su una possibile genealogia del remix, sull’inattualità di categorie moderne quali ‘autore’ e ‘originale’ e sull’erosione dei confini dell’amatorialità; sui contributi della cultura hacker e sull’ereditarietà sociale dei motivi culturali; sulle estetiche della ripetizione e dell’ibridazione alla luce dei contributi macchinici alla creatività e, infine, sulla difficile ricerca di una dimensione etica delle pratiche remixatorie.

pp. 130, ISBN 978-88-491-3583-1, € 16

Per acquistarlo segui questo link

INDICE

Prefazione. Frammenti di un discorso virtuale, di Alberto Abruzzese

Premessa

Capitolo 1. Innovazione e ripetizione

Il mito dell’originalità
Una genealogia del remix
Superfici trasparenti?
Effervescenza del remix
RW
L’inizio del gioco
Il remix come paradigma compositivo
Siamo tutti hacker

Capitolo 2. L’ambiente vivente del remix

Teoria dei memi
Scale-free networks
Contagio, ripetizione ed ereditarietà sociale
Aby Warburg e il concetto di engramma
Estetica della ripetizione
‘Dick in a Box’

Capitolo 3. Amatorialità in polvere

L’ascesa del ‘bricoleur’
Estetica dell’ibridità
Amatori e professionisti
Esistenze creative
L’interattività: un mito fondante
I social network e l’espropriazione della filosofia comunitaria
Flusso e processo

Capitolo 4. Come riempiremo le nostre memorie digitali?

Be Your Media
Il ‘cool’ come nuova categoria estetica
Esercizi di stile
Occasionali fuoriuscite dall’insignificanza

Capitolo 5. Tentazioni deterministiche

Ossessioni contemporanee
Volontà della Tecnica
Una duplice soggettività
Estetica macchinica
L’iper-soggetto tecnologico
Contributi macchinici al remix

Capitolo 6. Etica del remix

L’inadeguatezza del legislatore
Verso una ‘Free Culture’
Un’etica relativista
Ricadute estetiche
Eticità intrinseca delle comunità online

Bibliografia

Sitografia

 

Vito Campanelli, teorico dei nuovi media, insegna Teoria e tecniche dei mezzi di comunicazione di massa presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli ‘L’Orientale’ e svolge un’intensa attività di pubblicista. È socio fondatore di MAO Media & Arts Office ONLUS ed è promotore e curatore di eventi nell’ambito della cultura e dell’arte legate ai nuovi media.

Tra le sue pubblicazioni: Bauman, Giddens e Maffesoli. Tra moderno e postmoderno (Milano 2011); Cultura e nuovi media. Cinque interrogativi di Lev Manovich (Napoli 2011), con Danilo Capasso; Web Aesthetics (Amsterdam/Rotterdam 2010); Internet Landscapes (Napoli, 2009); L’arte della Rete, l’arte in Rete (Roma 2005).

Last Updated ( Wednesday, 06 July 2016 )